Biografia e Programma di Antonius Melisse

Biografia

Antonius Melisse viene dai Paesi Bassi e crede fermamente che nessuno debba smettere di imparare nuove cose. Ha ottenuto titoli, all’università e oltre, in Lingua e Letteratura inglese, Giornalismo, due metodi di valutazione software (ISTQB e TMAP Next) e sviluppo PHP. Al momento lavora come sviluppatore nel back-end su Symfony.

Nelle sue esperienze passate a livello gestionale, è stato un membro del consiglio per un gruppo musicale e teatrale di cui ha fatto parte (cantando come basso), e ha avuto un lavoro gestionale in cui aveva l’incarico di seguire studenti alla ricerca di lavori estivi.

Antonius è stato introdotto nel fandom da alcune amicizie di lunga data strette mentre giocava a World of Warcraft. Insieme hanno scritto fic e storie originali sui forum per la loro gilda. Quando uno dei suoi amici ha menzionato che stava traducendo da tempo per OTW (Traduzione) e che c’era un posto libero nel team di lingua Fiamminga, non si è lasciato sfuggire l’opportunità, ed è stato parte del comitato Traduzione fin da febbraio 2016. In passato ha anche fatto parte del comitato Norme & Violazioni.

Al momento si diletta nelle podfic di tanto in tanto, di solito su The Witcher, ma apprezza la maggior parte dei fandom fantasy e sci-fi.

Programma

1. Perché hai deciso di candidarti alle elezioni del Consiglio?

Fin da quando mi sono unito al comitato Traduzione, sento di aver incontrato molte nuove persone all’interno e nei dintorni di OTW, che hanno formato un gruppo vario e interessante. Questa comunità merita assolutamente di essere sostenuta. Poiché ho il tempo e l’energia per contribuire a mia volta in un modo significativo in questa comunità di persone meravigliose e diverse, questa è la mia ragione primaria per la candidatura.

Oltre a questo, c’è un numero inarrestabile di persone con account e lavori ospitati su Archive of Our Own — AO3 (Archivio tutto per noi), perciò è vitale che continuiamo a offrire un posto dove le persone possono fare ciò, e dove i loro lavori possono essere conservati. Per questo motivo, ciò che facciamo in qualità di organizzazione è meritorio, e dove possibile è importante migliorarlo. Considerando questi fattori e le abilità e le esperienze che ho acquisito finora nella vita, credo che candidarmi per il Consiglio sia il modo migliore in cui posso contribuire al futuro dei nostri progetti e della nostra missione.

2. Quali capacità e/o esperienze porteresti al Consiglio?

Lavoro regolarmente con i software e quindi tendo a essere molto analitico e orientato ai dettagli. Cerco di essere riflessivo e di ricercare attivamente soluzioni, e non desisto facilmente quando inizio a lavorare a qualcosa. Sono abituato a lavorare con delle scadenze, e certamente non credo che un po’ di pressione sui tempi sia una brutta cosa.

Ho anche lavorato nella gestione delle risorse umane, occupandomi di studenti alla ricerca di lavori estivi, un lavoro che mi richiedeva di comunicare con chiarezza e di essere paziente. Inoltre so quanto sia importante ascoltare chiunque abbia un apporto da dare in una discussione e prendere decisioni che richiedano di considerare molteplici punti di vista, qualcosa che credo sia essenziale per chiunque voglia lavorare con un gruppo di persone diverse con opinioni diverse.

3. Scegli uno o due obiettivi per OTW che ti stiano a cuore e su cui saresti interessato/a a lavorare durante il tuo mandato. Perché valorizzi questi obiettivi? Come lavoreresti con gli altri per raggiungerli?

Uno degli obiettivi più importanti per l’OTW, internamente, è migliorare la collaborazione tra i diversi comitati. Al momento, anche se tutti i comitati lavorano per portare avanti la missione di OTW, spesso non sanno molto del lavoro quotidiano degli altri team o del contesto in cui prendono le loro decisioni — informazioni che sono invece essenziali e che, se assenti, possono intralciare la collaborazione. Ciò che non è chiaro internamente ha enorme impatto anche all’esterno: non possiamo condividere informazioni riguardanti OTW in modo adeguato ai fan se le nostre discussioni e strutture sono disorganizzate. È dura convincere tutti su uno stesso argomento se raramente riusciamo a essere d’accordo su quale sia l’argomento — figurarsi condividerlo con i fan.
Per questo motivo, proverei a usare il mio tempo nel Consiglio per incentivare una maggiore collaborazione tra comitati. Secondo me questo obiettivo potrebbe essere raggiunto più facilmente conoscendo più chiaramente i flussi di lavoro di ciascuno, e stabilendo più linee di comunicazione tra i diversi gruppi.

Ciò ci permetterebbe anche di essere più efficienti quando rispondiamo ai dubbi dei fan. Avere un corpo volontari meglio informato e più integrato ci renderà più capaci di gestire situazioni potenzialmente complicate più veloce e con maggiore professionalità, evitando malintesi e problematiche che possono derivare dal non considerare adeguatamente ogni punto di vista su una questione. In questo modo, potremo essere più aperti su come comunichiamo col fandom nel suo insieme, permettendoci di coltivare una maggiore comprensione del nostro lavoro e dei nostri limiti.

4. Qual è la tua esperienza con i progetti di OTW e come collaboreresti con i comitati rilevanti per sostenerli e rafforzarli? Cerca di includere un vasto numero di progetti, ma sentiti libero/a di enfatizzare quelli con cui hai più esperienza.

Come la maggior parte delle persone ho maggiore esperienza con AO3, che è il nostro progetto principale. Da utente non madrelingua inglese, spero che possiamo continuare a lavorare insieme al comitato Accessibilità, Design & Tecnologia e al comitato Traduzione per avvicinarci a quel giorno in cui avremo l’interfaccia di AO3 disponibile in più lingue. Come membro del Consiglio, mi piacerebbe lavorare con il nostro team di sviluppo per aumentare ulteriormente e rafforzare la nostra capacità di utilizzare terzisti che ci aiutino nello sviluppo di codice, per lavorare su problematiche come la traduzione dell’interfaccia e altri miglioramenti al sito, così come i necessari compiti in background che mantengono il sito attivo ogni giorno.

Ho anche lavorato con Open Doors (Porte Aperte) in passato perché gli annunci delle loro importazioni fossero tradotti. Il lavoro che Open Doors fa per preservare gli archivi del fandom che altrimenti andrebbero perduti per sempre è molto importante per me. Se fossi scelto come membro del Consiglio, vorrei permettere loro di continuare a farlo, assicurandomi che ricevano gli strumenti e le risorse per portare avanti il loro lavoro nelle migliori condizioni possibili.

Personalmente ho meno esperienza con i nostri altri progetti ma non vedo l’ora di avere la possibilità di lavorare insieme a loro. Tutti fanno un lavoro incredibile e che merita rispetto. Ammiro molto il lavoro di patrocinio del comitato Supporto Legale; il fandom sarebbe un posto molto diverso adesso se non ci fossero stati loro. Transformative Works and Cultures – TWC (Culture e Lavori Trasformativi) è una delle più importanti pubblicazioni accademiche per i fan e Fanlore è diventato una memoria collettiva della storia del fandom di immensa importanza per le nostre comunità, ed è una gioia vederla crescere ogni giorno. Nel caso fossi eletto, spero di imparare di più circa le loro esigenze e su come noi membri del Consiglio possiamo supportarli.

5. Come pensi di bilanciare il tuo lavoro nel Consiglio con gli altri ruoli che detieni per OTW, o progetti di lasciare i tuoi ruoli attuali per concentrarti sul lavoro del Consiglio?

Intendo mantenere la mia attuale posizione nel comitato Traduzione. È un modo fantastico di restare in contatto con i nostri traduttori e di tenere traccia di come stanno andando le cose con un numero significativo di team all’interno di OTW. Gestire entrambe le posizioni non dovrebbe essere un problema, perché la gestione del tempo come manager dei volontari per il comitato Traduzione è totalmente nelle nostre mani: creiamo noi il nostro orario, assumendoci diversi tipi di compiti a seconda delle nostre disponibilità orarie. Altri prima di me hanno gestito questi due ruoli allo stesso tempo senza problemi e credo di poter fare lo stesso. Se dovessi ritrovarmi a essere davvero occupato, posso sempre discutere di prendere un momento di hiatus con i Presidenti del comitato.