Biografia e Programma di Gimena Calixto

Biografia

Gimena Calixto è una studentessa universitaria di Media Audiovisivi con esperienza di produzione e partecipazione in diversi progetti nel campo (girando filmati, facendo montaggio di video e suoni, ecc), ma con ancora più esperienza nell’essere una fan attraverso questi media. Si è imbattuta nel fandom nel 2002 e da allora non se n’è più andata. Nel tempo, i suoi interessi hanno spaziato dagli anime al bandom ai libri ai fumetti fino alle serie TV. Il fandom non le ha solo dato la possibilità di trovare uno sfogo creativo e un modo di entrare in contatto con persone con i suoi stessi interessi, ma anche di migliorare molte delle sue abilità e di crescere come persona attraverso lo scambio di opinioni e conoscenze. Fare volontariato per OTW (Organizzazione per i Lavori Trasformativi) è stato un modo per lei di ridare al fandom. Nel 2016, si è unita per la prima volta a OTW come organizzatrice di tag, per poi entrare nel comitato Violazioni.

Programma

1. Perché hai deciso di candidarti alle elezioni del Consiglio?

Ho preso la decisione di candidarmi perché penso di avere capacità ed esperienze che si dimostreranno utili al Consiglio e di essere in grado di offrire contributi preziosi per aiutare a raggiungere gli obiettivi a breve o lungo termine che i vari progetti di OTW si sono prestabiliti.

Sono anche a un punto nella mia vita dove posso prendere questo impegno e dedicarci l’attenzione, il tempo e lo sforzo che ne necessita.

2. Quali capacità e/o esperienze porteresti al Consiglio?

Sono una persona paziente ed entusiasta, desiderosa di lavorare duramente, ma più che altro sono più che disposta e preparata ad ascoltare attivamente.

Ho molta esperienza di lavoro di squadra grazie alle mie posizioni precedenti: dalla mia partecipazione all’attivismo sociale e politico, dal mio coinvolgimento con organizzazioni dove i miei compiti — che spesso si svolgevano in comitati o gruppi — variavano dalla progettazione alla gestione media alla redazione di documenti, e dal mio ruolo in OTW come volontaria e come parte dello staff ho capito cosa sia o non sia efficace in quelle situazioni dove uno sforzo di gruppo è essenziale. Questa credo sia una delle cose principali da portare al Consiglio.

3. Scegli uno o due obiettivi per OTW che ti stiano a cuore e su cui saresti interessata a lavorare durante il tuo mandato. Perché valorizzi questi obiettivi? Come lavoreresti con gli altri per raggiungerli?

  • Lavorare sulla compilazione e/o l’aggiornamento della nostra documentazione interna, designando un membro (o un gruppo) in ogni comitato che sia a capo del lavoro. Risorse di questa natura sono incredibilmente importanti in un’organizzazione di queste dimensioni, e ogni volta che troviamo nuovi volontari è evidente che ci appoggiamo troppo a membri chiave attuali per trasmettere informazioni e conoscenze che non sono consultabili in maniera scritta da nessuna parte.
  • Lavorare per una più ampia inclusione attraverso l’internazionalizzazione — specialmente su Archive of Our Own – AO3 (Archivio Tutto Per Noi), che è il nostro progetto più grande. So che AO3 tradotto nella sua interezza e disponibile in molte lingue è un obiettivo molto ambizioso e che significa dedicare molte ore a codificare e a tradurre, ma vorrei che fosse una cosa sulla quale continuiamo a lavorare. Sono anche interessata ad adottare relazioni migliori con spazi fandomici di lingua non inglese, magari attraverso degli intermediari.

4. Qual è la tua esperienza con i progetti di OTW e come collaboreresti con i comitati rilevanti per sostenerli e rafforzarli? Cerca di includere un vasto numero di progetti, ma sentiti libera di enfatizzare quelli con cui hai più esperienza.

I progetti con i quali ho più familiarità sono Fanlore, Open Doors (Porte Aperte) e AO3.

Tra questi, ho maggiore esperienza con AO3, che è stato parte integrante della mia vita da utente per un lungo periodo, e sono emozionata di vederlo crescere e diventare parte vitale della storia del fandom. Diventare una volontaria e poi parte dello staff mi ha messo in condizione di comprendere quanto sforzo e amore vada in questo progetto, e come i comitati che vi lavorano siano strettamente interconnessi tra di loro.

Legal Advocacy (Patrocinio Legale) e Transformative Works and Cultures – TWC (Culture e Lavori Trasformativi) sono due progetti con i quali, a dire il vero, ho molta meno esperienza. Sono però a conoscenza dei loro obiettivi e ho beneficiato dai loro sforzi in maniere differenti.

Penso che come membro del Consiglio la cosa più importante sia essere cordiale e disponibile: essere pronta a comunicare apertamente con i comitati per essere conscia di quello che necessitano e di quello che vogliono, e dar loro gli strumenti e il supporto di cui hanno bisogno per portare avanti i loro compiti e per raggiungere i loro obiettivi senza essere un impedimento.

Ogni comitato ha i suoi bisogni specifici e i suoi meccanismi interni, capire questo punto ed essere in grado di comportarsi adeguatamente è alla base del permettergli di rafforzarsi.

5. Come pensi di bilanciare il tuo lavoro nel Consiglio con gli altri ruoli che detieni per OTW, o pianifichi di lasciare i tuoi ruoli attuali per concentrarti sul lavoro del Consiglio?

In questo momento, ho abbastanza tempo libero da essere sicura che sarò in grado di seguire tutte le mie responsabilità con OTW e penso che, come membro del Consiglio, trarrei un guadagno dal rimanere in contatto con i meccanismi dei comitati di cui faccio parte ora, e così anche il Consiglio. Potrei, in caso sia necessario, diminuire il mio carico di lavoro come organizzatrice di tag, aiutando gli altri organizzatori a reclutare nuovi volontari nei fandom più grandi di cui faccio parte per potermi dimettere senza causare problemi.